Luglio 14, 2024

Terza puntata per Adam Betts, giovane batterista britannico ha militato in numerosi gruppi della scena underground londinese spaziando dal rock al metal, ma dal 2001 si è stabilizzato a Londra per studiare jazz alla prestigiosa Royal Academy of Music. Ha iniziato a fondere la libertà del jazz con la passione per il rock e il groove del funk, combinando tutto con i suoni dell’elettronica. Anche se poco conosciuto è riuscito comunque a creare un suono e uno stile quasi unico avendo elogi anche parte della critica, soprattutto con il lavoro svolto nella band Three Trapped Tigers. Scelto da Gilmour per il suo ultimo disco, insieme a Steve Gadd e Steve Di Stanislao, vedremo come si adatterà ai suoni floydiani, dato che sarà proprio lui a seguirlo in tour.

A questo link l’articolo dedicato a Greg Phillinganes

A questo link l’articolo dedicato a Rob Gentry

La Newslettr di Flaming Cow

Iscriviti per ricevere gli articoli direttamente nella tua casella di posta!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

2 thoughts on “Adam Betts – La line up di David Gilmour

  1. Bhe,..libertà del jazz,.. non abusiamo di questo termine confondendolo con il free-jazz . Nella musica jazz c’è più disciplina e schemi da seguire, di quanto si pensi…nonostante le apparenze 😉 Basta informarsi sui termini Jazz Modale e Tonale, per rendersene conto…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *