Giugno 13, 2024

A pochi giorni dall’uscita del suo nuovo album, abbiamo intervistato Andy Jackson, storico tecnico del suono dei Pink Floyd.

FC: La tua collaborazione con i Pink Floyd è iniziata in un periodo difficile per la band. Erano gli anni in cui iniziarono quelle forti discussioni che non si sono ancora concluse. È stato un inizio complicato?

AJ: Infatti. Sono entrato per il progetto cinematografico di “The Wall”. C’erano molte tensioni in atto, ma erano piuttosto esterne alla band. Alan Parker dirigeva il film e c’erano costanti tensioni creative tra lui da una parte e Roger e Gerald Scarfe dall’altra. Questo era davvero il progetto di Roger, quindi David e Nick non erano coinvolti ma le tensioni interne dovevano ancora emergere. Per strane ragioni (un apparente obbligo contrattuale di realizzare un album della colonna sonora) siamo passati immediatamente a “The Final Cut”. Roger ha scritto alcune nuove canzoni e ne ha riportate altre che non erano state incluse nell’album “The Wall”. A David non piaceva molto il materiale ed era piuttosto disinteressato. Voleva avere l’opportunità di scrivere del materiale, ma l’atteggiamento di Roger era tipo: “cosa hai fatto per due anni?”, e così abbiamo continuato. Tutto ciò ha significato che il risultato finale è molto vicino a un album solista di Roger. Gli eventi che ne seguirono sono stati ampiamente documentati e non ho bisogno di aggiungere altro (ne sono stato realmente testimone). Roger pensava che la band non era più una forza creativa e se ne andò. A questo seguì “A Momentary Lapse Of Reason”. Roger se n’era andato, Rick non era ufficialmente nella band e non era al suo meglio, Nick non era soddisfatto di se. In realtà significava che David era da solo. Parte del motivo per cui Bob Ezrin era stato chiamato era che David aveva visto quanto Bob fosse stato bravo nel mettere insieme ‘The Wall’, aveva davvero aiutato Roger a sistemare la narrazione e a mantenere tutto nella giusta carreggiata. Un po’ separatamente c’era la “tana del coniglio” delle nuove tecnologie. Era nato il sequencing MIDI, con la possibilità di costruire in qualche modo canzoni su un computer. Bob ha portato questa tecnologia nella realizzazione dell’album, insieme alla registrazione digitale (su nastro, come era la tecnologia dell’epoca). Questa è stata una decisione piuttosto consapevole. Sentiva che dovevamo avere un’identità di pionieri del suono. Sembra strano adesso a ripensarci, ma i CD erano appena nati ed erano ancora piuttosto marginali. “Brothers In Arms” dei Dire Straits era appena diventato il primo album a vendere un milione di copie in CD, e Bob spinse fortemente dicendo “dobbiamo raggiungere il massimo!”. Tutto ciò significava che la scrittura delle canzoni veniva eseguita in un modo mai fatto prima dalla band. Sino a quel momento il suono prendeva forma dalle jam della band, oppure da una base di una canzone scritta da qualcuno in forma semplice e poi sviluppata da tutta la band. Anche i testi, senza Roger, erano complicati. Anthony Moore (che è molto bravo) è stato chiamato per dare una mano, ma era tutto piuttosto frammentario e non aveva la capacità portata in dote da Roger. Essendo un’immagine speculare di “The Final Cut”, tutto ciò significava che quello che abbiamo ottenuto era molto vicino a un album solista di David. David è sempre stato infastidito da come è andata a finire, sia in termini di lavoro da solista – la mancanza di Rick e Nick – che di aspetto elettronico. Ecco perché siamo tornati indietro e abbiamo apportato le revisioni decenni dopo. “The Division Bell” è stata una reazione consapevole dell’intera band a questo, e molto è stato costruito dal loro suonare insieme.

FC: Scegliere un lavoro che hai fatto per i Pink Floyd è molto difficile, ma il mio preferito è sicuramente Wish You Were Here Immersion Edition. Qual è il tuo preferito?

AJ: Mi piacciono molto quelle versioni live di “Shine on…” e “Sheep” e “Dogs” (come sono diventate) presenti in quel cofanetto. Detto questo, provengono dalla stessa registrazione del concerto dal vivo di Wembley e della registrazione di “Dark Side”, ed è stato molto difficile mixarli, davvero difficile. Comunque la musica è buona. Non è semplice rispondere alla domanda perché lavorare sul materiale ti dà un rapporto completamente diverso con la musica rispetto al semplice ascolto come fa un pubblico normale. Se solo potessi scegliere alcune cose che mi sono davvero piaciute, piuttosto che qualcosa che abbia a che fare con il prodotto finale, mi è davvero piaciuto mixare dal vivo – nel tour di The Divison Bell. La vita on the road è piuttosto noiosa ma quelle 3 ore di spettacolo sono fantastiche, mi piace davvero che sia un momento transitorio nel tempo, è lì e un attimo dopo è finito, nel bene e nel male. Alcuni degli elementi audiovisivi, come i laser all’inizio di “Sorrow”, sono altrettanto fantastici dopo averli visti per 100 spettacoli quanto lo sono per i fan che lo vedono per la prima volta! Anche se non è strettamente floydiano (solo David e Rick, con Guy e Steve), fare le “Barn Jams” è stato grandioso, sono davvero quello che sembrano, sono delle jam uniche. Il solo fatto di assistere a ciò che accadeva davanti a me è sempre stato affascinante, da pelle d’oca. So che David stava ascoltando alcuni di quei Barn Jam per il nuovo album, da usare come spina dorsale per qualcosa. Non so però come stia procedendo il lavoro.

FC: Penso che parlare oggi di ciò che accadde in Svezia nel 1994 sia divertente o almeno interessante. Cosa successe esattamente?

AJ: Mi sto tormentando cercando di ricordare cosa sia successo in Svezia… Crollo del palco? No, quello era Earls Court… La polizia ha sparato a un membro del pubblico che gli aveva puntato contro una pistola? no, era negli Stati Uniti… Qualcuno che si sposa – in completo abito da sposa – proprio di fronte alla postazione di mixaggio? No, anche quelli erano negli Stati Uniti da qualche parte… Ah ecco mi sono ricordato. Oh sì, sono stato arrestato! Lo spettacolo precedente è stato a Copenaghen e avevamo un giorno libero. Alcuni di noi sono andati a Christiania e hanno comprato dell’hashish, che a dire il vero è stato annusato nel mio bagaglio mentre andavamo a Göteborg. La polizia svedese è stata molto gentile ed educata. Hanno portato anche il cane antidroga, anche se non gli è piaciuto quando ho provato ad accarezzarlo. Sono stato multato e rilasciato. Spesso durante l’introduzione di “Run Like Hell” David suonava una melodia associata al posto in cui ci trovavamo (Hello Cleveland! ???). Quella sera suonò “Everybody Must Get Stoned”, solo per me (e qualcun altro che deve rimanere anonimo… [tossisce] Juliette)

FC: Nel box The Early Years 1965-1972 c’è una versione nascosta di Meddle in 5.. E’ stata una tua idea?

AJ: È bello poter chiarire questa cosa. Qualsiasi progetto dei Pink Floyd basato sul materiale del periodo in cui Roger era nella band è ovviamente soggetto alla sua approvazione, e a quella degli altri tre (i figli di Rick si prendono cura dei suoi interessi). Ognuno dei quattro ha un manager diverso, quindi tutto può diventare un po’ tortuoso. Paul, che gestisce David, tende ad essere la forza trainante nella maggior parte dei progetti, come nel caso di “The Early Years”. È stato lui a chiedermi di fare il mix surround di “Meddle”, con l’approvazione di David. Una volta terminato, una copia è stata inviata a Mark Fenwick, il manager di Roger, per inoltrarla a Roger per l’approvazione. E lì è rimasto. Da quello che ho capito, Mark non ne ha nemmeno parlato con Roger. Era tardi quando Roger venne a conoscenza dell’esistenza del mix surround e scelse semplicemente di porre il veto alla sua inclusione. Per quanto ne so, non l’ha mai sentito. È la vita.
Non ne so abbastanza della creazione di Blu Ray per capire cosa è successo dopo, ma è successo qualcosa del genere: tutti i dati erano sui master e nella fretta di eliminare “Meddle” è stato rimosso solo il collegamento al menù, ma era ancora lì come immagine “fantasma”. È stato un errore. Molti credono che fosse in qualche modo intenzionale, forse una sorta di gioco di potere tra i membri della band o qualcosa del genere. La verità è molto più banale, si tratta di un errore umano.

FC: Dopo la pubblicazione di The Endless River e il box The Later Years 1987-2019, c’è ancora materiale inedito da The Big Spliff?

AJ: “The Big Spliff” è stato solo un esercizio da parte mia per dimostrare che un “ribollente mashup psichedelico” potrebbe essere realizzato partendo da alcuni dei materiali più esoterici che avevamo a disposizione durante la realizzazione di “The Division Bell”, in contrapposizione all’approccio più convenzionale basato sulle canzoni che stavamo adottando. L’ho chiamato “The Big Spliff” per scherzo. Steve O’Rourke, il manager dei Floyd all’epoca, lo amò e pensò che avremmo dovuto pubblicarlo così com’era. Ma non l’abbiamo fatto! Molti anni dopo, quando venne l’idea di rivisitare parte di quel materiale per creare un nuovo “ribollente mashup psichedelico”, Phil Manzanera e io esaminammo il materiale per scegliere le migliori tracce. Inevitabilmente abbiamo scelto alcune delle stesse cose (non mi sorprende che stessi sostenendo molte delle stesse cose che mi piacevano la prima volta). Quindi… sì, c’è qualche sovrapposizione tra “The Big Spliff” e “The Endless River”, ma ci sono cose che stanno sull’uno e non sull’altro. Inoltre, ovviamente, “The Endless River” è stato sviluppato con molte nuove registrazioni partendo da quei punti di partenza, “Spliff” è solo la materia prima. “Spliff” erano solo frammenti, non è che siano rimaste delle canzoni vere e proprie, solo piccoli frammenti di jamming. “Slippery Guitar” era un pezzo di “Spliff” che non entrò in “The Endless River” ma vide la luce come extra in “The Later Years”. In realtà, menzionare questi extra dà un’idea dell’atmosfera. C’è la jam di “Marooned” che mostra la magia quando suonano insieme in un modo piuttosto, come dire, non strutturato. Questo era quello che mi piaceva così tanto e mi ha portato a realizzare “The Big Spliff”.

FC: Nel 1984 hai collaborato a The Pros And Cons Of Hitch Hiking. In che rapporti sei con Roger Waters?

AJ: Ora come ora non ho alcun rapporto con Roger. L’ho visto l’ultima volta quando abbiamo fatto il Live 8 nel 2005, e prima ancora è stato per il secondo tour di “Pros And Cons” nel 1985. Roger è un ragazzo intelligente e vuole che tu lo tenga a mente. È come sentirsi costantemente coinvolti in giochi di potere, che lo si voglia o no. Dopo un anno diventa faticoso, che è quello che abbiamo passato a fare “Pros And Cons”. Mi ha chiamato per fare il successivo – “Radio K.A.O.S”, ma ho detto di no. Non potevo affrontarlo di nuovo a dire il vero. È un peccato, ma non credo di essere il solo.

FC: La tua ultima collaborazione con David Gilmour è stata per il singolo Yes I Have Ghosts. Oggi sappiamo che sta lavorando ad un nuovo album, ma senza il tuo contributo. Cosa è successo? Hai contatti con lui in questo periodo?

AJ: A dire il vero, quella non è stata la mia ultima collaborazione con David. Ho fatto “Hey Hey Rise Up” ma non sono stato accreditato. Nel clima odierno, dalla crescita dei social media, le persone sono diventate molto polarizzate e supponenti. Preferirei semplicemente osservare e cercare di capire: essere uno scout e non un soldato (come nel libro di Julia Galef). In tempi più moderati non avrei problemi a essere accreditato, ma non voglio forzare troppo le cose. Mi sembrava che la soluzione più semplice fosse semplicemente omettere il mio nome che avere un credito piuttosto strano e impreciso sul disco. Ma non era questa la domanda… Un paio di anni fa avevo deciso che avrei in gran parte smesso di lavorare. Ho detto a tutti coloro che erano interessati al mio lavoro che non ne volevo più sapere, ma che avrei finito tutto ciò che era in corso e avrei fatto qualsiasi cosa per l’album di David (che era in preparazione da un po’) se lui avesse voluto. Provo un senso di lealtà verso una persona con cui lavoro da oltre 40 anni, e c’è una parte di me che vorrebbe essere lì per quello che probabilmente sarà il suo ultimo album. David, da parte sua, stava cercando un produttore con cui lavorare. Qualcuno che lo spinga a esplorare aree che forse non ha esplorato e che trova interessanti. Ha finito per lavorare con Charlie Andrew, cosa che gli piace molto. Charlie voleva portare il suo ingegnere, e tra una cosa e l’altra sembrava un buon piano. David mi ha chiamato per questo. Era preoccupato che non mi sentissi in alcun modo snobbato, cosa che non lo sono. Penso che sia davvero bello che stia esplorando nuove strade, è fin troppo facile cadere nella trappola di fare le stesse cose che hai sempre fatto. Non so se mi chiederà di partecipare in futuro al progetto. Sarò ugualmente felice se lo farà o se non lo farà. Sono passato consapevolmente alla “pensione” avviando una nuova fase di produttività. Alla fine ho imparato ad andare in barca a vela, cosa che avevo intenzione di fare da molto tempo, da quando Rick Wright mi portò su una barca presa in prestito a Tampa Bay durante il tour del ’94. L’altra cosa importante è stata davvero ricominciare a creare la mia musica. Sono a due album e mezzo adesso e mi piace moltissimo farlo, riempie più che il vuoto lasciato dal non fare più la musica di altre persone.

FC: Adesso passiamo ad AI AJ il tuo nuovo album che esce il 29 Marzo. Racconta cosa dobbiamo aspettarci da questo disco.

AJ: Il titolo si riferisce all’intelligenza artificiale, AI e me – AJ. È una bella coincidenza che siano uno accanto all’altro in ordine alfabetico. A differenza dell’ultimo album, “Twelve Half Step”, che era strumentale, questo è in gran parte un album di canzoni. Quando è arrivato Chat GPT le persone hanno iniziato a scoprire cosa avrebbe detto se fosse riuscito a entrare “sotto la loro pelle” e oltrepassare la loro rete di sicurezza. C’erano delle cose davvero strane! Mi ha fatto riflettere sull’intera questione dell’intelligenza artificiale, della coscienza, della sensibilità sintetica e così via. Mi è venuta l’idea di avere un’intelligenza artificiale che canta dell’essere un’intelligenza artificiale, della sua relazione con noi. A poco a poco si è formata una storia, a partire dalla nascita di un’intelligenza artificiale, attraverso il suo rapporto con una persona (l’ascoltatore) e una macchina” – come HAL9000 in “2001 Odissea Nello Spazio”. Alla fine si fonde con l’umano, per creare una nuova forma di vita. In un certo senso si tratta di roba fantascientifica familiare, ma ho cercato di evitare di usare i soliti cliché della fantascienza. Ad un primo esame dei testi, potrebbero essere canzoni tra due persone sulle relazioni, ma ad un ulteriore esame ha quella particolarità che una delle parti non è umana, e rivela qualcosa di molto strano. Gran parte di ciò che ho usato come testo è in realtà materiale emerso nelle conversazioni avute da varie persone con Chat GPT, che erano riuscite ad approfondirle. Musicalmente sono entrato in alcune nuove aree, come fare arrangiamenti orchestrali, che sono state sfide davvero interessanti. Ho anche trovato un’ottima voce femminile con cui lavorare, che canta la parte di “AI”. Maggiori informazioni verranno rivelate in seguito, ho buone ragioni per essere poco esaustivo per ora! Per me è la cosa migliore che ho fatto. A parte ovviamente il prossimo album (già in lavorazione) che sarà ancora migliore. Mi piace sempre il processo di realizzazione più di ogni altra cosa, non c’è niente che mi rende così felice!

Intervista di Francesco Madonia. Traduzione a cura di Matteo Gherardi

DAVID SUONO’ EVERYBODY MUST GET STONED PER ME by Francesco Madonia is licensed under CC BY-NC-ND 4.0

La Newslettr di Flaming Cow

Iscriviti per ricevere gli articoli direttamente nella tua casella di posta!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *