Giugno 13, 2024

Riflettendo un attimo su questo nuovo anno balza all’occhio che ci sono molti anniversari tondi in salsa floydiana. Un buon numero di occasioni che i nostri beniamini potrebbero sfruttare per spillarci altri soldi, ma d’altra parte si sa: Money, Get Away. Giocando con la fantasia, proviamo a dare qualche consiglio!

2014 – I Tweet di Polly, quelli belli

Dimentichiamoci gli ultimi tweet della signora Gilmour e pensiamo che sono già passati 10 anni dall’ultimo album dei Pink Floyd. Sembra ieri quando la Samson annunciò l’uscita del nuovo album The Endless River su Twitter, e invece siamo già alle nozze di alluminio per l’ultimo disco dei Pink Floyd. Già uscito in tutti formati e inserito anche all’interno del box The Later Years, non possiamo aspettarci tanto, ma nel catalogo degli LP della Pink Floyd Records, la casella PFRLP15 è rimasta vuota. Quindi la scelta di far uscire il vinile non sarebbe del tutto sbagliata.

1994 – La campana di perla

Ve lo ricordate il 1994? Era l’anno dei mondiali in USA, l’anno di Baggio e di quel rigore calciato alle stelle. Vabbè dai non ci pensiamo più. Per le nozze di perla di The Division Bell la situazione è alquanto strana perchè è già uscito un box per il 20esimo e un vinile colorato per il 25esimo anniversario. Cosa dovremmo aspettarci? Un picture disc! Immaginate come sarebbe elegante in un gatefold che quando lo aprite e avvicinate i due vinili si ricrea quel concetto delle tre teste che Storm ha illustrato magistralmente.

1984 – Tre rubini solisti

Nel 1984 About Face, Identity e The Pros And Cons Of Hitch Hiking uscirono tutti e tre nello stesso anno, tutti e tre nel giro di un paio di mesi, tutti e tre a creare un ansia al fan floydiano completista. Dato che è in arrivo (o almeno si spera) il nuovo disco di David Gilmour potremmo pensare anche ad un nuovo remix per About Face, magari un lavoro eseguito da Steven Wilson e con una serie di formati stereo, dolby atmos e un bel vinile di color rame. Invece per Identity, abbastanza fresco del remix del 2019, ci aspettiamo un vinile color silver, dato che il vinile rosa del 2019 è ormai oggetto raro e costoso. C’è da aggiungere che Dave Harris, sui suoi canali social, ha fatto un po’ capire che qualcosa ci sarà sicuramente per questo album, e potrebbe essere anche un’ulteriore spinta per la pubblicazione di altro materiale del povero Richard Wright (vedi un remix di Broken China e il materiale inedito). L’ultime nozze di rubino sono per l’album The Pros And Cons Of Hitch Hiking. Anche per Roger Waters è attesa l’uscita di The Bar e seguendo il The Wall Live In Berlin, potremmo pensare ad un vinile rosa numerato, magari per una delle uscite del Record Store Day.

Annessi e connessi

E A Nice Pair del 1974? No, qui entriamo nel vortice dell’essere nerd. A Nice Pair è uscita in USA a Dicembre del 1973 e in UK a Gennaio del 1974. Vero è che i Floyd sono inglesi, ma le nozze d’oro andavano festeggiate l’anno scorso. Una piccola nota per le nozze di diamante della prima uscita discografica di un membro dei Pink Floyd. You’re The Reason Why, scritta da Richard Wright fu pubblicata nel 1964. 

Ecco nel mentre abbiamo giocato con tutte queste nozze, proprio ieri, è stata annunciata l’ennesima uscita di The Dark Side Of The Moon. Sempre sulla scia delle nozze d’oro, il 19 Aprile esce questa versione super deluxe in doppio LP. Un’edizione che fa gola ai collezionisti, ma che fa esclamare ad alta voce anche una parola. Basta!

2024: ANNIVERSARI FLOYDIANI by Francesco Madonia is licensed under CC BY-NC-ND 4.0

La Newslettr di Flaming Cow

Iscriviti per ricevere gli articoli direttamente nella tua casella di posta!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *