Luglio 13, 2024

Empatia. Solo questa parola descrive l’essenza dell’esibizione di Roger Waters Venerdì’ scorso presso la chiesa di St Pancras a Londra. Un evento, inaspettato, che ha visto esibirsi il rapper Lowkey che ha cantato alcuni brani tra cui Long Live Palestine e My Soul “dedicato a coloro che sono stati fermi e risoluti nel restare umani, che hanno scelto la vita di fronte alla morte”. Poi è stato il turno di Yusuf/Cat Stevens che eseguito alcuni brani tra cui la celeberrima Wild Word dichiarando “sono qui per parlare dei bambini perché sono le creature più innocenti e più pure e non si meritano tutto quello che sta succedendo”. Ovviamente, senza togliere niente agli altri artisti, il momento clou è stata l’esibizione di Roger Waters. Accolto con un grandissimo applauso ha letto un testo “mixato” con i versi di Wish You Were Here, canzone che ha poi eseguito alla chitarra insieme a Dave Kilminster dicendo che “le persone pensano che sia un’elegia per un mio amico d’infanzia che se n’è andato, Syd Barrett per la cronaca. Certo, è così, ma non stasera, oggi è dedicato alla Palestina: ‘So you think you can tell Heaven from Hell‘. Oggi questo pezzo parla di scelte” . Dopo Roger si è seduto al pianoforte ed ha eseguito The Bar, con alla fine Outside The Wall in una versione emozionante, intensa e piena di pathos. Roger è letteralmente provato dagli anni che ormai mostrano gli acciacchi, ma il suo carisma è più forte di qualunque altra cosa. Tecnicamente è una prova scarsa questa esibizione, ma rimarrà alla storia per l’emozione che Roger riesce a generare.

Ignoranza. Solo questa parole descrive il comunicato pubblicato dalla chiesa si St Pancras subito dopo la fine dell’evento che per dovere di cronaca vi riportiamo rimanendo turbati da queste parole: “il mese scorso, la chiesa di St Pancras è stata contattata in merito a una prenotazione per un concerto di raccolta fondi, a sostegno dell’organizzazione benefica Palestine Children’s Relief Fund (PCRF). La chiesa riceve regolarmente prenotazioni di beneficenza per raccogliere fondi per cause tanto necessarie, e la richiesta è stata accettata, anche se in questa fase il programma dell’evento non era stato dichiarato. Riconosciamo ora che il programma ha gravemente offeso gli amici della comunità ebraica. Questa non è mai stata la nostra intenzione e ce ne scusiamo senza riserve. In questa fase, poiché un gran numero di persone hanno acquistato in buona fede i biglietti per un evento di raccolta fondi di beneficenza, siamo obbligati a onorare la prenotazione. Abbiamo anche ricevuto consulenza in materia di sicurezza e valutato gli aspetti di ordine pubblico. L’antisemitismo e l’islamofobia non hanno posto nella nostra società, né nella nostra chiesa. Ci impegniamo a incontrare i rappresentanti della comunità ebraica per saperne di più sull’antisemitismo e per garantire una comprensione più profonda delle preoccupazioni dei nostri amici e vicini ebrei”.

A voi la libera scelta da quale parte stare. Noi scegliamo quella giusta. Stand Up For Palestine.

La Newslettr di Flaming Cow

Iscriviti per ricevere gli articoli direttamente nella tua casella di posta!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *